Area riservata | Language:
v
| In alliance with


Serena Triboldi

serena.triboldi@pmtlex.com

Avvocato dal 2002 (iscritta all’Ordine degli Avvocati di Roma). Serena Triboldi è uno dei tre soci fondatori dello studio. Vanta una consistente esperienza nell’assistenza a clienti italiani e stranieri in particolare nel settore commerciale e societario, in quello assicurativo, bancario e finanziario ed ha esperienza specifica nel settore energetico ed ambientale, in particolare per ciò che concerne le problematiche connesse ai depositi di oli minerali. Ha, inoltre, acquisito significativa esperienza nella trattazione di questioni di diritto internazionale privato e processuale, di contrattualistica internazionale e di start-up societarie statunitensi.

E’ autrice del capitolo dedicato alla giurisdizione italiana, all’interno del volume “Directors’ Liability and Indemnification: A Global Guide”, 2016, a cura di Edward Smerdon, ed ha partecipato, in veste di relatrice, a vari convegni tenuti all’estero su tale tema. Organizza ed insegna corsi di “Legal English” per avvocati italiani. Prima di fondare lo studio Pontecorvi e Triboldi, ha collaborato con vari studi internazionali, tra cui lo studio Pavia e Ansaldo (1999-2002 sedi di Roma e Milano), lo studio legale Cieri Crocenzi (2004-2005) ed ha collaborato quale stagiaire presso lo studio Hughes Hubbard& Reed (Parigi, 1998) e lo studio R. Castilla (Barcellona, 1999).

E’ membro dell’International Bar Association.

Studi: Laurea in Giurisprudenza, Università Cattolica del Sacro Cuore (1999) – Tesi: “Studio comparativo della responsabilità civile da inquinamento petrolifero nell’ordinamento nazionale ed internazionale”; Programma Erasmus, Università di Nanterre, Francia (1998); Corso Post-Laurea di “Operatore Comunitario”, Società Italiana per l’Organizzazione Internazionale (S.I.O.I.), Roma (2003); LLM Master of Laws in “International Business and Trade Law”, Fordham University di New York (USA)- Tesi: “Scandali societari nelle multinazionali: cause e rimedi. Un confronto tra il caso italiano Parmalat ed il caso american Enron”.

Lingue straniere: inglese, francese e spagnolo.